Dal 4 ottobre sono in vigore le ordinanze con misure per il contenimento dell'inquinamento atmosferico

Dagli uffici
     

Da lunedì 4 ottobre 2021 sono in vigore le ordinanze numero 21 e 22 del 1 ottobre 2021 che contengono misure per la lotta all'inquinamento atmosferico. In allegato le ordinanze complete per maggiori dettagli. 

 

LIMITI ALLA CIRCOLAZIONE DEI VEICOLI PIU' INQUINANTI

Divieto di circolazione, con finalità preventive e di contenimento degli episodi acuti di inquinamento atmosferico, in particolare quello da polveri sottili (PM10), nel periodo compreso tra il 04 ottobre 2021 e il 30 aprile 2022, dal lunedì al venerdì, escluse le giornate festive infrasettimanali, dalle ore 8.30 alle ore 18.30 - Per maggiori e dettagliate informazioni consultare l'ordinanza sindacale n. 22/2021

Non possono circolare:

  • veicoli alimentati a benzina categorie M e omologati EURO 0, EURO 1;
  • veicoli alimentati a benzina categoria N, omologati EURO 0, EURO 1;
  • veicoli alimentati a diesel categoria M, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2, EURO 3;
  • veicoli alimentati a diesel categoria N, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2, EURO 3
  • ciclomotori e motocicli categoria L omologati EURO 0;
  • Dal giorno successivo a quello di cessazione dello stato di emergenza per il contagio da COVID-19, proclamato ai sensi dell’art. 24 comma 3 del d.lgs. 1/2018, il blocco della circolazione sarà esteso anche ai veicoli alimentati a diesel categoria M e categoria N Euro 4.

Ulteriori misure emergenziali: Al raggiungimento dei livelli allerta 1 arancio e 2 rosso non possono circolare per tutti i giorni della settimana, inclusi sabato, domenica e giornate festive infrasettimanali, dalle ore 8.30 alle ore 18.30, le seguenti categorie di veicoli:

Livello di allerta 1 – arancio - Mezzi destinatari del divieto

  • veicoli alimentati a benzina categorie M e omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2;
  • veicoli alimentati a benzina categoria N, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2;
  • veicoli alimentati a diesel categoria M, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2, EURO 3, EURO 4, EURO 5;
  • veicoli alimentati a diesel categoria N, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2, EURO 3, EURO 4;
  • ciclomotori e motocicli categoria L omologati EURO 0, EURO 1;

Livello di allerta 2 - rosso Mezzi destinatari del divieto

  • veicoli alimentati a benzina categorie M e omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2;
  • veicoli alimentati a benzina categoria N, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2;
  • veicoli alimentati a diesel categoria M, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2, EURO 3, EURO 4, EURO 5;
  • veicoli alimentati a diesel categoria N, omologati EURO 0, EURO 1, EURO 2, EURO 3, EURO 4;
  • ciclomotori e motocicli alimentati a diesel o benzina categoria L omologati EURO 0, EURO 1;
  • limitatamente al periodo dalle ore 8.30 alle ore 12.30, veicoli alimentati a gasolio categoria N, omologati EURO 5;

Si ricorda che potranno sempre circolare tutti i veicoli bifuel, ossia con impianti gpl o metano, alimentati sia a benzina che a diesel; le auto a metano, gpl, elettriche, ibride e quelle a benzina sopra euro 2; anche per il car-pooling, ossia 3 persone a bordo per le macchine più grandi e 2 per le biposto, non ci saranno limitazioni. Inoltre, sono esentati dal blocco i veicoli con potenza minore o uguale a 80 kw (110 cv) condotti dai proprietari se hanno più di 70 anni o un Isee inferiore a 16.631,71 euro.

Si consiglia la consultazione dei bollettini ARPAV sulla qualità dell'aria per verificare gli eventuali raggiungimenti dei livelli di allerta 1 (arancio) - 2 (rosso). Il bollettino è disponibile online a questo link ARPAV Bollettino allerta PM10

 

 

MISURE DI LIMITAZIONE ESERCIZIO IMPIANTI TERMICI E COMBUSTIONI ALL'APERTO

Misure di limitazione dell'esercizio degli impianti termici, compresi quelli alimentati a biomassa legnosa, nonché divieto di combustioni all’aperto e fuochi d'artificio ai fini del contenimento dell’inquinamento atmosferico, nel periodo dal 4 ottobre 2021 al 30 aprile 2022. 

 

Ultimo aggiornamento: 04/10/2021 12:33.50